OBLIO

Franco Sebatani

Lia Zanetti

Carlo Fiore

LIU XIN

Emma G.

Nessun risultato trovato

OBLIO

OPERE


OBLIO è un artista contemporaneo nato a Torino nel 1970. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti della sua città, dove si è specializzato in scultura.

Un artista provocatore

OBLIO è un artista provocatore, che non ha paura di mettere in discussione le convenzioni sociali. Il suo lavoro è spesso considerato controverso, ma è proprio questa sua capacità di suscitare emozioni forti che lo rende un artista importante e influente.

La ricerca artistica “HUMAN CONDITION”

La ricerca artistica di OBLIO è incentrata sulla rappresentazione della sofferenza umana. Questa ricerca, iniziata nel 2008 e continua ancora oggi, è un’indagine profonda e complessa sulle emozioni e sui sentimenti umani.

Un maestro dell’espressione del dolore

In particolare, OBLIO è un maestro nel catturare l’espressione del dolore umano. Le sue fotografie mostrano il dolore in tutte le sue forme, dal dolore fisico al dolore emotivo. I suoi soggetti urlano, piangono, si disperano. Il dolore è così reale e tangibile che il pubblico non può fare a meno di provare empatia.

Un invito alla riflessione

Il lavoro di OBLIO è un invito a riflettere sulla nostra vulnerabilità e sulla nostra capacità di infliggere sofferenza agli altri. È un contributo importante alla nostra comprensione della condizione umana.

Un artista senza paura

OBLIO è un artista senza paura. Non ha paura di affrontare la sofferenza umana, anche nelle sue forme più crude e brutali. Non ha paura di provocare il pubblico, mettendolo di fronte alla realtà del mondo.

Un artista importante

Il lavoro di OBLIO è importante perché ci costringe a guardare in faccia la sofferenza umana. Ci fa riflettere sulla nostra vulnerabilità e sulla nostra capacità di infliggere sofferenza agli altri. È un contributo importante alla nostra comprensione della condizione umana.

Un artista influente

Il lavoro di OBLIO è influente perché suscita emozioni forti. Fa riflettere e provoca il pubblico. È un artista che non lascia indifferenti.

Un artista da seguire e collezionare

Ci sono molti motivi per cui il lavoro di OBLIO è da collezionare. Innanzitutto, è un artista di talento e innovativo. Le sue fotografie sono tecnicamente eccezionali e catturano la sofferenza umana in modo potente e coinvolgente.Il lavoro di OBLIO è un investimento intelligente. La sua reputazione è in crescita e le sue opere sono sempre più ricercate dai collezionisti. È probabile che il valore del suo lavoro continui a crescere nel tempo.

Se sei un collezionista d’arte che è interessato a opere d’arte importanti, innovative e di valore duraturo, il lavoro di OBLIO è sicuramente da considerare.

Franco Sebatani

OPERE


Franco Sebatani emerge come uno scultore innovativo che opera nel mondo delle piccole sculture digitali. La sua pratica artistica unica è caratterizzata dalla creazione di intricati ritratti di personaggi famosi in dimensioni ridotte. Sebatani utilizza la scultura come un mezzo per catturare la celebrità e l’iconicità attraverso dettagli meticolosi e un’attenzione straordinaria al realismo. Tuttavia, la sua pratica artistica va oltre la creazione del modellato. Dopo aver completato le sue sculture, le fotografa minuziosamente da diverse angolazioni e prospettive. Infine, distrugge la parte 3D delle sue opere, lasciando alle generazioni future solo la documentazione fotografica – una sola foto – delle sculture originali.

 

Critica d’Arte sulle Opere di Franco Sebatani:
Le opere di Franco Sebatani sono un affascinante esempio di innovazione nell’arte della scultura e della documentazione artistica. La sua abilità nel ritrarre personaggi famosi in piccole dimensioni è straordinaria, catturando la personalità e l’essenza delle celebrità in dettagli sorprendenti. La scelta di documentare e distruggere le opere fisiche, lasciando soltanto la rappresentazione fotografica, aggiunge uno strato concettuale alla sua pratica. Questo atto non solo conserva l’opera in una forma immateriale, ma sfida anche il concetto stesso di permanenza nell’arte. La bellezza delle sue sculture vive attraverso le fotografie, trasmettendo la maestria artistica di Sebatani e lasciando allo spettatore un’esperienza visiva e concettuale unica e senza tempo.

Lia Zanetti

OPERE


Lia Zanetti emerge come una fotografa visionaria che affascina il mondo artistico con la sua prospettiva unica sulle architetture urbane. Nata nell’ambiente virtuale, Zanetti utilizza la fotografia come mezzo per esplorare e catturare la complessità delle strutture urbane. Attraverso il suo obiettivo, trasforma l’ordinario in straordinario, rivelando la bellezza nascosta nei dettagli architettonici che spesso sfuggono alla nostra attenzione quotidiana. La sua abilità nel giocare con luci, ombre e prospettive permette di dare vita a composizioni che narrano storie di linee, forme e geometrie.

 

Critica d’Arte sulle Opere di Lia Zanetti:
Le opere di Lia Zanetti sono un’ode affascinante alle architetture urbane, una testimonianza della sua maestria nell’elevare il banale a qualcosa di straordinario. La sua fotografia trasuda un’impressionante precisione compositiva e una profonda intimità con i soggetti che cattura. Attraverso l’uso sapiente di prospettive insolite e dettagli meticulosi, Zanetti trasforma gli edifici e le strutture urbane in vere e proprie opere d’arte visiva. La sua capacità di trasmettere emozioni attraverso la geometria delle linee e la manipolazione delle luci e delle ombre crea un impatto visivo straordinario. La sua prospettiva unica rivela la poetica nascosta dietro la rigidità architettonica, invitando lo spettatore a riconsiderare e apprezzare la bellezza sottile e spesso trascurata delle città che abitiamo.

Carlo Fiore

OPERE


Carlo Fiore si distingue come un fotografo il cui lavoro si concentra sui dettagli affascinanti degli animali, illuminando la bellezza nascosta in ogni singolo elemento della natura. La sua pratica artistica si basa sul concetto che “nel piccolo risiede l’universo“, una filosofia che guida la sua esplorazione visiva. Attraverso la sua lente fotografica, Fiore esplora il microcosmo degli esseri viventi, cogliendo dettagli straordinari e rivelatori che spesso sfuggono alla vista comune. Le sue immagini catturano la maestosità e la complessità della natura, rivelando la bellezza e l’armonia in ogni minimo dettaglio.

 

Critica d’Arte sulle Opere di Carlo Fiore:
Fiore sfida lo spettatore a guardare oltre la superficie e a riflettere sulla complessità della vita in ogni sua parte, dimostrando che anche il più piccolo frammento della natura è intriso di bellezza, significato e connessione con l’intero universo. La sua abilità nel rivelare la grandezza nella minuzia offre uno stimolo potente per contemplare la ricchezza e la meraviglia del mondo naturale che ci circonda, invitandoci a riflettere sulla profondità e la complessità delle cose apparentemente semplici.

LIU XIN

OPERE


LIU XIN si distingue come una giovane e innovativa artista cinese, specializzata nella pittura ad acquerello. La sua pratica artistica si focalizza esclusivamente sugli ideogrammi cinesi, utilizzandoli come elementi visivi anziché come forme scritte di comunicazione. Nonostante la mancanza di un senso logico nella composizione finale dei suoi dipinti, LIU XIN adopera gli ideogrammi come se fossero mattoni o elementi architettonici, costruendo elementi visivi che esplorano la relazione tra il linguaggio e l’arte, tra il significato e la forma. La sua abilità nel combinare gli ideogrammi in maniera armonica e esteticamente accattivante è emblematica del suo approccio unico all’arte visiva.

 

Critica d’Arte sulle Opere di LIU XIN:
Le opere di LIU XIN incarnano il concetto filosofico degli ideogrammi cinesi come elementi visivi, non solo come mezzi di comunicazione scritta. La sua abilità nell’incorporare gli ideogrammi all’interno di composizioni artistiche attinge alla profonda connessione tra linguaggio e bellezza estetica. Nonostante l’apparente assenza di un significato scritto o logico, i suoi dipinti evocano un senso di equilibrio e armonia visiva attraverso la disposizione e l’uso creativo degli ideogrammi. LIU XIN trasforma questi caratteri linguistici in elementi architettonici, costruendo paesaggi visivi che rappresentano una fusione tra la ricchezza della tradizione linguistica cinese e l’estetica contemporanea. Le sue opere invitano gli osservatori a contemplare la bellezza e la struttura intrinseca degli ideogrammi, esplorando la dualità tra il significato intrinseco delle parole e la loro bellezza visiva quando si fondono nell’arte.

Emma G.

OPERE


Emma G., artista di origini italiana, si distingue per la sua straordinaria ricerca fotografica che celebra la bellezza intrinseca della donna in età avanzata. La sua pratica artistica si concentra sul catturare e rivelare la bellezza autentica che risiede nel passare del tempo e nell’esperienza vissuta. Attraverso le sue fotografie, Emma G. mette in risalto la bellezza senza tempo della donna, mostrando come la vita, le passioni e il lavoro lascino un’impronta preziosa sul corpo e sull’anima femminile. La sua missione artistica è quella di sfidare i canoni tradizionali di bellezza, dimostrando che la vera bellezza non è legata esclusivamente al giovane splendore, ma risiede nell’autenticità e nella storia che ogni donna porta con sé.

Critica d’Arte sulle Opere di Emma G.:
Le opere di Emma G. rappresentano un’ode alla bellezza senza tempo della donna, sottolineando il valore immenso dell’istante e del tempo che passa. Le sue fotografie catturano l’essenza autentica della femminilità matura, svelando la bellezza unica e ricca di storia che emerge attraverso il vissuto e le esperienze. Emma G. esplora il concetto filosofico del tempo, mostrando come la bellezza non sia effimera, ma evolva e si arricchisca con il passare degli anni. Le sue opere testimoniano la capacità di valorizzare l’istante presente, catturando con delicatezza e sensibilità l’unicità di ogni donna e celebrando la bellezza intrinseca delle rughe, delle cicatrici e dei segni del tempo, che diventano emblemi preziosi di vita vissuta e di forza interiore.